Eccoci qui a quasi un mese dall’inizio delle lezioni. Non vi nascondo che mi sembra sia passato più tempo, la partenza è sempre impegnativa e travolgente. Comunque la fatica della burocrazia scompare di fronte alla gioia di vedere voi bambine e bambine, ragazzi e ragazze rientrare felici in classe. Soprattutto,  siamo tutti rientrati in una scuola più bella, più accogliente e più attrezzata, merito degli acquisti che abbiamo fatto durante l’estate e grazie all’operosità dei nostri genitori. Grazie di cuore per tutti gli interventi che sono stati effettuati, grazie per la vostra disponibilità e il vostro impegno. 

Siamo parte di una comunità educante, una comunità formata da persone che credono in quello che fanno e si rimboccano le maniche tutti insieme, ogni volta che c’è bisogno di affrontare e risolvere un problema. Una comunità che può contare anche sulla gioia che ci regalano i nostri fantastici musicisti, sempre pronti a sottolineare i momenti più significativi della nostra vita scolastica con le loro note. Una comunità che agisce convinta, perché condivide l’altissimo obiettivo di far diventare i nostri bambini, le nostre bambine, i nostri ragazzi e le nostre ragazze adulti consapevoli, capaci e istruiti.

E quindi sono felice di poter dare, ancora una volta, ufficialmente il via all’anno scolastico, insieme a tutti voi, con la nostra camminata. Ringrazio ancora per il grande sforzo organizzativo i nostri genitori, perché per il terzo anno consecutivo abbiamo l’occasione di incontrarci tutti domenica 6 ottobre per camminare insieme, per iniziare il cammino dell’anno scolastico pronti a fare ciascuno la propria parte: i genitori pronti a sostenerci e a confrontarsi apertamente con noi per trovare sempre le soluzioni migliori per i nostri ragazzi; i nonni, i fratelli e le sorelle sempre presenti per svolgere il ruolo di importante punto di riferimento; le insegnanti e gli insegnanti che si mettono in gioco ogni giorno, e naturalmente i nostri bambini, le nostre bambine, i nostri ragazzi e le nostre ragazze che sono, come sempre, i protagonisti. Forza, ripartiamo e facciamolo con la forza e l’entusiasmo che ci dà il camminare insieme!